I centri antiviolenza, la rete,
Come ti senti
• Pensi di essere l’unica a trovarti in questa situazione
• Non vedi vie d’uscita
• Credi di aver sbagliato tu qualcosa, che non sei una buona moglie o madre
• A volte pensi che si arrabbi ingiustamente
• Ti vergogni a parlarne
• Le tue amiche sembrano non volerne sentir parlare
• Sei arrabbiata con te stessa
• Ti senti sola, non sapresti a chi dirlo
• Hai paura per te e i tuoi figli
• Hai paura di stare da sola
• Temi che lui possa diventare più violento
• Sei preoccupata per lui
• Ti hanno detto che dovresti sopportare
• Vuoi dargli un’altra possibilità...

Come ti senti/Cosa fare-Se sei parente, amico/a, conoscente

Forse ti è capitato di intuire qualcosa, l’hai sentita piangere, la vedi triste o agitata. Magari ti è capitato di vedere dei segni sul suo corpo e lei ti ha raccontato di aver avuto un incidente, o forse da un po’ di tempo si è allontanata da te. Ti sei forse convinto/a che siano tutte tue fantasie, e che ti stai preoccupando troppo. E’ invece importante non sottovalutare le tue sensazioni, e farle sapere che si è disponibili ad ascoltarla. Spesso, infatti, le donne non parlano con chi sta loro vicino perché si sentono bloccate dalla paura e dalla vergogna, o per non far soffrire le persone a cui vuol bene. Far loro sapere che sei disponibile ad ascoltarla, senza giudizio, dà loro la possibilità di sentirsi libere, quando si sentiranno pronte a farlo, di confidarsi e chiedere aiuto.
E’ perciò importante:
Crederle
Essere disponibile ad ascoltare
Mantenere la riservatezza su quanto ti racconta
Non giudicarla e non colpevolizzarla
Non minimizzare
Rispettare i suoi tempi di decisione e di azione
Non imporre consigli e non sostituirsi a lei nelle decisioni da prendere
Informarla sull’esistenza dei Centri Antiviolenza e accompagnarla se lo chiede
Inoltre, è importante anche capire che essere a conoscenza di una situazione di violenza che una persona cara sta vivendo può essere fonte di confusione e ansia, che questo è perfettamente normale, così come è impossibile pensare di poter risolvere da soli il problema. Anche per chi si trova a sostenere una donna, quindi, è possibile rivolgersi ai Centri per avere informazioni e chiedere sostegno.
Uscire dalla violenza si può: chiedere aiuto
Il primo passo è quello di riconoscere che hai vissuto o stai vivendo una situazione di violenza, che la violenza, di qualsiasi tipo, non è mai giustificabile, che tu non ne sei in alcun modo responsabile. Capire che i tuoi stati d’animo sono perfettamente normali in tale contesto è importante per avvicinarti ai luoghi nei quali puoi trovare le persone con cui condividerli, per parlare di ciò che ti accade o ti è accaduto. Questi luoghi sono i Centri Antiviolenza, dove puoi trovare ascolto e sostegno, senza alcun giudizio e nella più totale riservatezza. Puoi telefonare al Centro più vicino a te per parlare con un’operatrice e prendere un appuntamento, o semplicemente per avere le informazioni di cui hai bisogno.